Archivio Articoli
Apri Archivio

Sostieni il CDV

Quando finalmente, dopo aver superato titubanze e resistenze, riusciamo a costituire il nostro gruppo di Controllo del Vicinato, dobbiamo preoccuparci di designarne il Coordinatore. Spesso si tende a scegliere il vicino che ha più tempo o che passa più tempo a casa pensando, erroneamente, che lo scopo del Coordinatore sia quello di fare la guardia alla nostra casa quando noi non ci siamo. NO. Il ruolo del Coordinatore non è quello di fare la guardia alla nostra casa, cosa che dovrebbero fare tutti i membri del gruppo, reciprocamente. Il ruolo del Coordinatore è quello, appunto, di coordinare.

Un prerequisito importante per scegliere il Coordinatore è che questi goda della nostra fiducia e della nostra stima.

Chiarito questo punto, passiamo a vedere quali sono i suoi compiti. In una normale situazione di relazione di buon vicinato il Coordinatore non fa cose molto diverse da quello che si fa normalmente tra vicini: si parla, ci si scambia informazioni e opinioni, ci si da una mano, si segnalano problemi. È un’attività che non pesa più di tanto perché molto spesso la facciamo già. Ci sono però compiti specifici che sono propri del Coordinatore:

  • Aiutare i vicini a valutare le criticità che emergono nella propria area di osservazione. In caso di flagranza o di forte sospetto di reato bisogna chiamare immediatamente le Forze dell'Ordine, non il Coordinatore! In tutti gli altri casi, quando i segnali di criticità sono deboli da non giustificare una segnalazione alle Forze dell'Ordine, sarà necessario consultarsi tra vicini e con il Coordinatore per decidere se segnalare o no una situazione anomala. Più si è, meno c’è il rischio di segnalare fatti inesistenti. La somma delle conoscenze dei vicini è più grande della conoscenza del singolo. Perciò è importante che ci sia una rapida consultazione per chiedersi se quell’auto o quella persona qualcuno la conosca, prima di segnalarla alle Forze dell'Ordine. Il Coordinatore deve favorire questo processo di consultazione.
  • Riportare ai vicini gli avvisi delle Forze dell’Ordine o della Polizia Locale (reati commessi nel proprio territorio o in quelli limitrofi, preallarmi su possibili rischi, segnalazione di truffe in corso, ecc.). Nei casi in cui il progetto di Controllo del Vicinato è sostenuto dalla propria Amministrazione comunale e di conseguenza dalla Polizia Locale, è importante stabilire con quest’ultima un canale rapido di comunicazione per fornire e ricevere informazioni sui rischi di reati presenti nella nostra area d’interesse. Nei casi in cui i progetti di Controllo del Vicinato non sono sostenuti dalla Polizia Locale, questo canale di comunicazione è non impossibile, ma è più difficile da stabilire.
  • Incoraggiare i vicini a prestare attenzione a quello che avviene nella propria area, dando indicazioni sui fenomeni da osservare con maggior cura. Se abbiamo stabilito un buon canale di comunicazione con le Forze dell'Ordine sapremo da queste ultime quali sono i fattori di rischio presenti nel territorio a cui prestare più attenzione (truffe in corso, modalità dei furti avvenuti in zona, auto o persone sospette, ecc.). Una specifica formazione del Coordinatore può aiutare a istruire i vicini sui fenomeni ai quali prestare più attenzione.
  • Aiutare i vicini a individuare i fattori di rischio e le vulnerabilità ambientali e comportamentali che favoriscono la consumazione di alcuni reati e incoraggiarli a mettere a punto le giuste misure preventive. A questo scopo l’Associazione Controllo del Vicinato mette a disposizione dei Coordinatori strumenti e formazione affinché possano svolgere al meglio questa funzione.
  • Accogliere i nuovi vicini (che è anche un ottimo modo per rompere il ghiaccio con i nuovi arrivati),  spiegando le attività del gruppo di Controllo del Vicinato e incoraggiandoli ad aderire all’iniziativa.

In conclusione, un buon Coordinatore è un fattore chiave per la nascita e il buon funzionamento di un gruppo di Controllo del Vicinato.

(Tratto dal materiale di formazione dei Coordinatori dei gruppi di Controllo del Vicinato.)

Leonardo Campanale - Vicepresidente ACdV © RIPRODUZIONE RISERVATA

.

0
0
0
s2smodern

Abbiamo 86 visitatori e nessun utente online